Normativa controlli e manutenzione caldaie a gas

La normativa riguardante le caldaie a gas riguarda vari settori: la manutenzione, la documentazione dell’impianto e i controlli sulle emissioni.

Il Decreto legislativo che regola i tempi e le modalità di revisione di una caldaia a gas è il  d.lgs. 192/05 , viene solitamente definito anche “decreto energia”, che è successivamente stato modificato dal d.lgs. 311/06. Le norme fanno una distinzione tra la manutenzione ordinaria e il controllo sulle emissioni dei fumi.

Manutenzione ordinaria delle caldaie a Milano

Le nuove norme lasciano all’impresa installatrice la possibilità di fissare la frequenza dei controlli sull’impianto. In mancanza di tali direttive ci si deve rifare alle disposizioni del fabbricante della caldaia, per la pulizia e la manutenzione.

In linea generale e in assenza di disposizioni specifiche, valgono le norme UNI e CEI dell’apparecchio specifico.

*             Caldaie a gas con potenza inferiore a 35 KW valgono le norme UNI 10436/96.

*             Caldaie a gas con potenza superiore a 35 KW valgono le norme UNI10435/95.

Questa normativa stabilisce una cadenza annuale per i controlli finalizzati alla manutenzione.

Controllo emissioni detto comunemente Controllo Fumi

Avvengono secondo le disposizioni del d.lgs. 311/06 e devono essere effettuate:

*             ogni anno per apparecchi di potenza superiore ai 35 KW;

*             ogni due anni per apparecchi di potenza inferiore ai 35KW, installati da più di otto anni;

*             ogni quattro anno per apparecchi di potenza inferiore ai 35 KW e installati da meno di otto

anni.

Gli impianti di riscaldamento dal 1° settembre del 2003 devono essere muniti di un “libretto di centrale” per caldaie con potenza nominale superiore ai 35 KW; di un “libretto di impianto” per caldaie con potenza nominale inferiore ai 35 KW.

I controlli da effettuare sulle Caldaie e Gas

Il controllo di una caldaia a gas deve essere effettuato periodicamente, al fine di verificare il buon funzionamento dell’apparecchio e dello scarico dei fumi. Il controllo e la revisione dei generatori di calore comportano una riduzione degli sprechi, una migliore qualità della combustione, una razionalizzazione dei consumi.

La corretta manutenzione implica infatti:

*       Il mantenimento a valori ottimali del rendimento della caldaia  a gas.

*       Una maggiore sicurezza perché un mancato funzionamento del sistema di scarico fumi o la scorretta aerazione del locale, possono provocare incidenti.

*       Un minore impatto ambientale perché vengono prodotte meno sostanze nocive.

Manutenzione della caldaia obbligatoria e il controllo dei Fumi

La manutenzione delle caldaie va effettuata da tecnici abilitati come ad esempio quelli di manutenzione-caldaie.com che per la zona Milano e la Lombardia è quanto di meglio si possa trovare.

La frequenza dei controlli e la manutenzione delle Caldaie sono così organizzati:

  • per gli impianti domestici con potenza superiore a 10 kW e inferiore a 100 kW, a combustibile liquido o solido, i controlli devono essere effettuati ogni 2 anni;
  • per gli impianti domestici con potenza superiore a 10 kW e inferiore a 100 kW, a gas metano o Gpl, i controlli devono essere effettuati ogni 4 anni (ecco perché la stragrande maggioranza degli impianti domestici in Italia ha una potenza inferiore a 100 kW);
  • per gli impianti termici con potenza superiore a 100 kW, a combustibile liquido o solido, i controlli devono essere effettuati ogni anno;
  • per gli impianti con potenza superiore a 100 kW, a gas metano o GPL, i controlli devono essere effettuati ogni 2 anni.
  • Per le caldaie di qualsiasi tipologia esterne o interne installate da più di 8 anni la scadenza è ogni 2 anni

Bollino Blu della caldaia a Milano e provincia

Il bollino Blu della caldaia è una certificazione che è contemplata dal Decreto legislativo n. 311 del 2006 nel quale si sancisce l’obbligatorietà per ciò che concerne i controlli sulle caldaie da riscaldamento.

Nella regione Lombardia le operazioni di manutenzione e del controllo dell’efficienza energetica della caldaia possono essere svolte solo da ditte abilitate ai sensi del decreto D.M. 22 gennaio 2008 n°37 e iscritte al catasto regionale.

Ogni impianto ha il suo libretto che riporta le notazioni tecniche della caldaia e sul quale si riportano tutte le manutenzioni e controlli effettuati.

Gli interventi previsti sono:

  • Manutenzione ordinaria che corrisponde alla verifica buono stato e il corretto funzionamento del dispositivo, normalmente accompagnato anche dalla pulizia e volto alla sicurezza come spiegato sopra.
  • Verifica e controllo fumi della caldaia detto anche controllo dell’efficienza energetica o controllo delle emissioni

I documenti tecnici redatti dal tecnico ad ogni controllo devono essere allegati al libretto. Se un impianto è disattivato è esentato dal rispetto della normativa fino alla sua riattivazione.

L’azienda che effettua la manutenzione deve essere iscritta obbligatoriamente al catasto regionale della Lombardia, il Curit.

Le sanzioni per il mancato controllo della caldaia vanno 500€ fino ad un massimo di 3000€ per cui è meglio avere cura di effettuarle sempre.

Per informazioni al riguardo o per la richiesta di un servizio di manutenzione caldaie a Milano o in Lombardia chiama il 324 5407728

Call Now ButtonClicca e Chiama